Vale la pena realizzare siti in Joomla?

By | 15 maggio 2012

Seo & Joomla: un binomio vincente

Ormai da molto tempo lavoro su siti realizzati con Joomla. Lavori di questo tipo sono sempre più frequenti probabilmente anche perché il cliente manifesta un crescente interesse ad essere libero ed autonomo nella realizzazione dei contenuti. Prima i blog ed i forum e poi i Social come Facebook e Twitter ci hanno abituati ad un maggior grado di autonomia nell’esprimere il nostro punto di vista, nell’interagire con gli altri ecc.

Joomla and Co. sono la risposta a questo tipo di esigenza. Ma vale la pena usare Joomla? La risposta è semplicemente sì ma a patto che si rispettino regole precise nel proprio interesse.  Infatti, Joomla non deve mai essere il luogo in cui dar sfogo  al nostro desiderio di smanettare in modo approssimativo (soprattutto se stiamo intervenendo su un e-commerce o un sito aziendale).

E’ sempre preferibile affidarsi ad un consulente in grado di realizzare il sito e di guidarci nella realizzazione dei contenuti. L’accesso all’amministrazione ci permetterà di far crescere il nostro progetto online con efficienza e senza errori. Andiamo più nel dettaglio.

Ottimizzazione dell’architettura dei siti Internet

Una volta realizzato il template e definiti i contenuti e le impostazioni delle pagine più statiche, potremo dedicarci a sezioni importanti come:

  • blog
  • forum
  • news
  • ecc.

Come si può notare, si tratta di sezioni che ci permetto di interagire in modo completo con il nostro pubblico a vantaggio di tutta l’attività online. E’ un modo, in pratica, per entrare in contatto diretto con un potenziale cliente scoprendone meglio i bisogni, le aspettative e, più in generale, riuscendo a definirne meglio il profilo.

Non basta Joomla per il posizionamento

L’esperienza maturata nel posizionamento di siti in Joomla mi ha insegnato che  il solo ed unico utilizzo di Joomla non rappresenta la chiave del successo a livello di posizionamento. Esso puo’ essere definito solo ed unicamente come un presupposto, o meglio,  un utile strumento. In questi casi mi piace dire che vale lo stesso rapporto che esiste tra il bisturi ed il chirurgo. Con un bisturi in mano non diventiamo tutti chirurghi, no?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *