Ottimizzazione dei contenuti di siti Internet

By | 15 giugno 2015

L’ottimizzazione di siti Internet in passato era molto più semplice e meccanica. Infatti, la conoscenza delle basi del codice dei siti Web permetteva di ottimizzare le pagine HTML anche non curandone molti aspetti ora molto importanti per acquisire nuovi clienti ed essere sempre più visibili. Basti pensare al settore mobile in crescita costante ed a tutto quello che riguarda la realizzazione di contenuti strutturati e non inutilmente sovraccarichi di keyword. A tutto questo va aggiunto il fatto che gli algoritmi dei Motori di Ricerca sono sempre più complessi, potremmo dire, esigenti.

I servizi offerti in questo sito si propongono proprio l’obiettivo di essere di supporto a chi, disponendo di budget contenuti, non vuole restare invisibile online ed è interessato ad acquisire clienti grazie al proprio sito. Certamente, acquistare uno spazio Web può costare davvero poco ed installare un template Joomla o WordPress può essere addirittura gratuito, però tutto quello che riguarda pianificazione e presentazione della propria attività online, merita un occhio di riguardo sin dall’inizio.

Alcuni esempi di ottimizzazione delle pagine Web

Molti venditori, ad esempio, utilizzano le descrizioni prodotto fornite dai produttori non rendendosi conto del fatto che utilizzando contenuti utilizzati anche da terzi si rendono invisibili o quasi agli occhi del cliente potenziale che li cerca su Google. A tutto questo vanno anche aggiunti errori collegati al linguaggio usato o alle “chiavi” con cui si vuol entrare in contatto con il cliente finale per vendere uno o più prodotti del catalogo online.

Come fanno notare molti esperti del settore, essere primi non significa vendere di più. Essere ai primi posti su Google significa avere maggiori possibilità di essere visitati da degli utenti (siano essi interessati o meno).

L’ottimizzazione dei contenuti, o, a seconda dei casi, un report dedicato all’ottimizzazione dei contenuti, consente di verificare che il tuo sito Internet (quanto presente in esso in termini di pagine, schede prodotto ecc.) sia allineano con quanto ricercato dal tuo cliente tipo. Spesso le analisi mettono in evidenza settori da poter esplorare per poter realizzare contenuti di interesse del cliente (temi da trattare in un blog ecc.). Altre volte, invece, è necessario consigliare una revisione della struttura categorie/sottocategorie. Un’analisi preliminare consente di individuare i settori che meritano attenzione per poter poi realizzare un report quanto più semplice e completo.

Qualche consiglio utile direttamente da Google

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *