Come indicizzare siti Internet

By | 19 agosto 2015

Questo post è dedicato a tutti quelli che hanno un sito Internet e vogliono indicizzarlo in modo autonomo senza ricorrere alla consulenza di professionisti Seo o agenzie. E’ bene precisare che non si tratta di posizionamento nei Motori di Ricerca o, più in generale, della definizione di una strategia Seo efficace. In questo caso, invece, l’obiettivo è acquisire un minimo di visibilità online con il proprio sito Web.

Serve conoscere il codice HTML?

Conoscere un minimo di codice HTML aiuta sempre ma se non conosci nulla di HTML o PHP non importa. I consigli di base puntano ad ottenere il risultato desiderato senza grandi conoscenze. Inoltre, la maggior parte delle volte è Google stesso a fornirti tutte le indicazioni utili su come procedere.

Il primo passo è installare il codice di tracking di Google Analytics in modo tale da poter tenere traccia delle statistiche del tuo sito Internet. Potrai così conoscere tutti i dati del traffico del sito stesso (numero di visitatori, loro provenienza ecc.). Fatto ciò, aggiungi il tuo sito alla Search Console di Google (ex Google Webmaster Tools di Google). Tra i diversi strumenti di verifica del sito scegli Google Analytics stesso.

Molti siti sono basati su Joomla o WordPress che dispongono di estensioni/plugin SEO in grado di generare le sitemap XML. Da amministrazione potrai recuperarne l’Url per proporre la stessa nella sezione sitemap di Strumenti per Webmaster.

Indicizza il tuo sito con i link

Esatto! I link testuali possono aiutarti moltissimo non solo nell’indicizzazione di cui stiamo parlando ma anche nel posizionamento stesso. Per questo mira ad acquisire link a tema.

Cosa fare in poco tempo

  • Hai Google Plus? Utilizzalo per pubblicare un link al tuo sito. In questo modo potrai indicizzare i contenuti in modo più semplice e rapido.
  • Twitter, invece, permette di inserire un link nel tuo profilo personale. Nel caso di Facebook, inserisci il link di tuo interesse per primo. Ossia, anche se ne puoi inserire più d’uno, il primo deve essere quello che a te interessa per l’indicizzazione.
  • Nell’ambito dei Social, si può fare ancora altro grazie a Linkedin che dà molto spazio ad aziende e professionisti. A tal proposito, non sono affatto da scartare tutti i siti/portali nati per far incontrare consulenti freelancer e datori di lavoro (Freelancer, Elance ecc.). Anche in questo caso, cura nel dettaglio il profilo e non scartare affatto tutte le possibilità a tua disposizione compreso il link ai tuo sito.
  • Hai contatti con partner o clienti che hanno un sito Internet? Chiedigli di linkarti dal sito aziendale. In questo modo, non solo potrai essere raggiunto più facilmente da Google ma sarai anche più visibile.

Qualche suggerimento utile per iniziare?

Se avessi a disposizione un solo link da poter indicare a chi vuol indicizzare il proprio sito Internet in totale autonomia farei riferimento alle indicazioni del W3C per Webmaster. Infatti, nel pieno rispetto, di quanto realizzato dallo staff di Google credo che l’ABC sia proprio questo. Le spiegazioni sono semplici e chiare e si va subito al punto.

Strumenti, estensioni e plugin sono disponibili nella sezione download (in costante aggiornamento). A quella lista credo che si possa aggiungere anche un generatore automatico di Sitemap ideale per chi ha un sito che non è basato su alcun tipo di CMS. Per quanto si tratta di uno strumento che presenta delle pecche tipiche dei generatori automatici di sitemap XML può essere comunque d’aiuto a chi vuol risparmiare tempo o non sa come realizzare una mappa XML.

Il contenuto delle pagine Web è fondamentale

Per quanto possano essere d’aiuto tutte le indicazioni riportate fin qui, il tuo successo online sarà dettato solo ed esclusivamente dalla qualità dei contenuti pubblicati e da quanto questi ultimi saranno in grado di rispondere alle esigenze ed aspettative del tuo pubblico. Ossia, se in un blog dedicato ai primi a base di pasta asciutta pubblichi un post dedicato ai dolci, allora non ti stupire se quest’ultimo non riscuote successo e/o non  è visibile come avresti voluto tu, ok?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *