Google Instant – Alcune considerazioni

By | 11 settembre 2010

L’8 settembre Google ha presentato Google Instant in post sul blog Google Italia che vi invito a visionare. In questo articolo analizzeremo Google Instant per cercare di capire come andranno le cose nel prossimo futuro.

Nel post è possibile visionare un video in cui si mostra come i risultati presentati da Google cambino man mano che si digitano nuove lettere. Ancor più che in passato, le scelte del navigatore sembrano influenzate dalle parole chiave consigliate da Google (vedi Google Suggest). Per questo motivo, andra’ vista con maggiore attenzione la scelta delle parole chiave.

I test che sono in corso in questa prima fase hanno messo in evidenza come i suggerimenti di nuove parole chiavi non siano più presenti una volta superata la soglia delle tre – quattro parole. Questo significa che l’utente sara’ più autonomo in caso di scelta piu’ profilata già a priori.

Una variazione continua dei risultati offerti dalla Serp potrebbe portare a prendere i considerazione solo il top 5 anziché i primi dieci risultati.

Un punto da verificare. Clienti e prodotti sono di vario tipo. Chi cerca una maglietta si comporta in modo differente rispetto a chi cerca una vettura o un consulente. Google Instant potrebbe favorire chi offre prodotti del primo tipo (in cui prevale l’immediatezza nel processo d’acquisto) ma se prevale la ponderazione le regole del gioco cambiano e la ponderazione prevale.

Innegabile che in una situazione di questo tipo lo snippet assume un valore superiore rispetto al passato e realizzare titoli e descrizioni efficaci sarà importante non solo per essere al top ma anche per farsi notare e cliccare al volo.

Altro fattore. Il calcolo delle impression per Adwords. Il limite di tempo definito da Google per il calcolo di un impression potrebbe essere eccessivo per utenti “esperti” abituati a navigare. Rischieremmo di avere molte impression reali non conteggiate.

Il tempo aiuterà a mettere meglio in evidenza questi ed altri fattori in modo tale da gestire al meglio i progetti Web per curare le conversioni prima ancora del posizionamento stesso.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *