Gestione e-commerce: come non perdere tempo inutilmente

By | 11 maggio 2015

Nella gestione di un e-commerce il rischio maggiore per un commerciante è quello di perdere tempo inutilmente. Infatti, molte volte si rischia di mettere da parte il tempo da dedicare alla gestione della clientela per dedicarsi alla promozione online. La presenza sul Web tende a non far distinguere a pieno questi due importanti aspetti. Ed allora, che fare?

Partiamo, prima di tutto dalle schede prodotto. La realizzazione di questi contenuti è sostanzialmente paragonabile al momento in cui il commerciante presenta i suoi prodotti al cliente al di là del bancone. Per questa ragione, è importante prestare la massima attenzione alla realizzazione dei testi ed alla pubblicazione di contenuti aggiuntivi (fotografie, immagini varie e video). In questa fase, la collaborazione tra consulente e venditore consente di ottenere i massimi risultati. Si partirà da un testo contente tutti i contenuti ed i riferimenti prettamente commerciali (specifiche del prodotto, promozioni, offerte ecc.) per ottenere poi un testo che si posiziona al meglio e che tende a convertire maggiormente.

Ritagliarsi uno spazio ben preciso da dedicare al contatto con il proprio consulente consente di non mettere nulla da parte e di accrescere i risultati nel tempo. Paradossalmente, è molto meglio dedicare a questa i primi tre – cinque giorni del mese piuttosto che un totale di tre – cinque giorni al mese ma quando si ritiene che sia necessario. Infatti, il rischio maggiore è che si perda di vista la promozione di uno o più prodotti (a danno dei risultati commerciali).

Le stime

Ciascun progetto merita attenzioni differenti. Per intenderci, un e-commerce con un numero limitato di prodotti è molto differente da un e-commerce vasto e con prodotti generici. Per questo, va sempre stimato con attenzione il tempo da dedicare a tutte le attività oltre la gestione dei contenuti delle schede prodotto. E’ molto meglio realizzare delle schede complete ma meno news o blog post piuttosto che pubblicare blog post, news ecc. ritrovandosi poi con testi brevi ed incompleti nelle schede prodotto. Queste pagine presentano il nostro catalogo online e sono fondamentali per le conversioni (vendite ecc.). Buttar giù solo poche righe per non perdere tempo  è un errore da evitare.

Le statistiche ed i report mi servono davvero?

Nella maggior parte dei casi, il cliente dietro il bancone non dice al commerciante se ed in che misura è soddisfatto di quello che ha visto. Nei contatti faccia a faccia molte volte è solo l’esperienza del venditore che aiuta quest’ultimo a cogliere questi aspetti. Online, invece, le statistiche possono aiutare consulente e commerciante a capire cosa funziona, cosa converte ecc. per poter intervenire di conseguenza. Tutto sta nel customizzare i report da generare con regolarità. In questo caso, è molto meglio programmare l’invio dei report con una frequenza bassa. La disponibilità dei dati di strumenti come Google Analytics consentirà di accedere online in qualunque momento per ulteriori approfondimenti.

E tu, che problemi hai nella gestione del tuo e-commerce?

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *