Come ridurre i costi delle campagne Google Adwords?

By | 19 ottobre 2015

E’ inutile negarlo: non tutti hanno budget a sufficiente per poter portare avanti campagne Google Adwords curate in ogni minimo aspetto sfruttando al massimo le potenzialità dei link sponsorizzati di Google. Ed allora? Come procedere in casi come questo?

Come gestire campagne Google Adwords a basso budget:

  • Il primo passo consiste nel definire un obiettivo commerciale ben preciso. Infatti, è molto meglio concentrare le proprie forze su un solo obiettivo piuttosto che disperderle in più obiettivi. Tradotto in soldoni, immaginiamo di poter spendere un massimo di cinque euro al giorno. E’ molto meglio puntare ad un gruppo di keyword che consenta di controllare il CPC ottenendo, quindi, un maggior numero di clic giornalieri qualificati. Altrimenti rischieremmo di attivare una campagna che genera pochi clic e, quindi, anche pochi risultati.
  • ridurre il numero di gruppi e campagne attive: non serve a nulla mantenere attiva una campagna con un budget giornaliero di un euro ed un CPC medio di 30 – 40 cent. A conti fatti, la gestione costa più dei clic generati (massimo cinque al giorno…).
  • un budget contenuto impone di puntare su parole chiave che hanno un basso grado di concorrenza. Meglio mettere da parte keyword generiche per puntare sulla long tail.
  • a seconda degli obiettivi commerciali, potrebbe convenire puntare su parole chiave che incidono maggiormente sulle conversioni piuttosto che sul brand
  • ridurre al massimo le visualizzazioni rendendo più favorevole il rapporto clic / visualizzazioni
  • controllare il rapporto tra Costo per Click e budget giornaliero. In caso di CPC alto rispetto al budget giornaliero è meglio limitare al massimo il numero di giorni in cui la campagna è attiva. Questo punto va definito in fase di pianificazione della campagna. Molte volte, soprattutto nelle prime fasi, si tende a mantenere attiva la propria campagna tutti i giorni della settimana durante tutte le ventiquattro ore. Però, analizzando con attenzione Google Analytics si scopre che le conversioni sono più frequenti durante specifiche fasce orarie ed in giorni ben precisi. Perché non approfittare di queste informazioni.
  • a prescindere dalla condizione precedente, limitare il numero di giorni in cui la campagna è attiva consente di avere un budget giornaliero più interessante. D’altro, se ogni mese possiamo investire 150 euro in clic, avremo un budget giornaliero più alto, se attiveremo la campagna durante 20 giorni piuttosto che 30.
  • A seconda del prodotto o servizio da promuovere, l’attivazione della campagna potrà avvenire durante uno specifico periodo dell’anno piuttosto che durante tutto l’anno. Ad esempio, prodotti come il pandoro o il panettone non avrebbe molto senso venderli in piena estate, no?

Alternative a Google Adwords

Un ultimo consiglio? Non tutte le campagne Adwords per cui si dispone di un basso budget devono essere per forza attivate. Infatti, vi sono casi in cui è molto più proficuo investire lo stesso budget in altre forme promozionali online ed offline. Basti pensare alla presenza su portali di settore oppure alla realizzazione di contenuti ottimizzati per il proprio sito / blog aziendale.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *