Come gestire un imprevisto nel lavoro da casa

By | 18 ottobre 2013

In un paio di post precedenti ho affrontato il tema del cliente non collaborativo nella gestione di progetti SEO o Google Adwords. In questo caso, invece, prenderò in considerazione l’ipotesi in cui è lo stesso consulente a non poter collaborare in modo regolare come suo solito. Il post nasce da un’esperienza personale tanto sgradevole quanto imprevista: un incidente domestico che ha causato un paio di fratture :(

Come comportarsi in casi come questi?

Per poter gestire questo tipo di situazioni ed altre è importante poter disporre del maggior numero possibile di contatti di clienti ed agenzie con cui si lavora nel proprio telefono cellulare. In questo modo, con un semplice SMS si può avvertire al volo dell’indisponibilità e della conseguente interruzione del servizio.

In alcuni casi il cellulare consente di connettersi ad Internet gestendo in modo semplice e rapido la posta elettronica. GMail può essere facilmente interfacciato con Thunderbird o altri programmi di posta scaricando la lista dei contatti ecc. Nel caso particolare di Thunderbird le estensioni tra cui scegliere sono varie. Per quanto ho avuto modo di verificare, si possono ottenere soluzioni simili anche qualora si utilizzino differenti programmi di posta.

Le Webmail rappresentano un’ottima alternativa.

Il consiglio principale che mi sento di dare per poter gestire situazioni di questo tipo è di risolverle a monte. Ossia, gestendo con grande cura i rapporti con la clientela nei contatti telefonici, via e-mail ecc. vi garantirete un inaspettato e rassicurante grado di collaborazione da parte di partner e clienti.

Sempre per poter gestire i contatti al meglio, non appena vi è possibile ricontattare la vostra clientela dalla postazione di lavoro FATELO. Sarà la vostra occasione per ringraziare per la disponibilità mostrata in prima battuta ed anche nella seconda fase necessaria per riprendere in mano la situazione e far ripartire tutti i progetti come prima.

Chiaramente va messo nel computo che non tutti saranno dalla vostra parte. Consiglio di gestire situazioni di questo tipo in modo “politically correct”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *